Sabato 18 Set 2021
Stampa

La storia delle mie 4x4 emozioni più grandi...

guardando al futuroridLa mia attività fuoristradistica iniziò nell'estate del 1988, anche se la passione per le auto e soprattutto per le 4x4 è nata con me.....

Un caro amico, che oggi non è più tra noi, mi affidò il suo fuoristrada dicendomi: "devo andare all'estero per due settimane lo lascio a te, sono sicuro che al ritorno lo troverò meglio che nuovo...!!"  Mi conosceva bene.....  con il suo Toyota BJ40 rosso con la cappottina bianca percorsi più chilometri in quelle due settimane, tra asfalto e fuoristrada, che in tutta quell'estate con la mia auto...!!!!
Era la prima volta che facevo ”del fuoristrada” oltretutto con un mezzo non mio, pertanto la prudenza fu molta.

Finita l’estate, la voglia del fuoristrada e di possederne uno, non era certo passata, così mi misi a cercare un piccolo 4x4, da usare anche come seconda auto. Trovai un Suzukino Sj 413 usato ma tenuto molto bene. Tramite un amico comune conobbi Franco Carraro, che mi portò nei giorni successivi a conoscere i suoi amici di 4x4 in un'area appositamente attrezzata per il fuoristrada (il famigerato "campetto"), dove incontrai i più SFEgatati amanti del 4x4 facenti parte del Sodalizio Fuoristradasti Euganei – SFE.

Da lì a poco, logicamente,  la mia iscrizione al club e contestuale rilascio della tessera n° 196. Al tempo la SFE non organizzava ancora corsi di guida in fuoristrada, allora c’era solamente la FIF, la Federazione Italiana Fuoristrada, alla quale tutti i club, sorti fino ad allora, erano affiliati. Partecipai al corso che si tenne a Vigo di Cadore, un full immersion di 8/10 ore al giorno per 8 giorni, assieme al mio “compagno di merende” Mauro Selvatico, con il quale condividemmo poi molte vittorie del CAMPIONATO ITALIANO ENDURANCE,  classificandoci, nel 1991, al primo posto nella categoria N1 e quinti assoluti nella classifica generale.

Ma questo non ci bastava, oltre all’Endurance partecipammo anche al TROFEO TRIVENETO 4X4, campionato Challenge di regolarità, anche se non più in coppia, che comprendeva le più belle e blasonate manifestazioni dell’epoca, come la “12 ore del Cadore” o la “Mestre Cortina” o ancora “la Transadriatica”, trofeo nel quale mi aggiudicai un 4° posto nella classifica assoluta;  per non parlare del mitico “Raduno di Gradisca” che all’epoca mirava a raggiungere la quota, ritenuta quasi insormontabile,  di 100 vetture iscritte ….. oggi si tenta di abbattere il muro delle 1.000.....!!!!!     A queste illustri manifestazioni, dal 1993 si andrà ad aggiungere anche il "nostro"  TROFEO SFE , inizialmente chiamato Trofeo Città di Asiago, in quanto le prime edizioni partirono dallo stadio del ghiaccio.

Forse per la disponibilità verso il club, nel darmi “da fare”, mi proposero di entrare a far parte del Consiglio Direttivo. Mi ritrovai così Segretario della SFE, correva l’anno 1991 ma fui riconfermato anche per il 1992. L’anno successivo, come sempre dicono i “vecchi” un buon Segretario non può che diventare un buon Presidente. Fu così che portai lo scettro della rappresentanza del club per la prima volta nel 1993. Le altre due volte negl’anni 2007 e 2008, quando il buon Guido Dalla Costa, Past President anche lui, fece leva sui miei sentimenti verso il club che mi aveva fatto conoscere il vero fuoristrada, convincendomi a ricandidarmi al Consiglio Direttivo.

 

In questi anni la SFE, per merito di tutte le persone che hanno preso a cuore questa passione, è cresciuta molto. Il nostro club è conosciuto, apprezzato e stimato su tutto il territorio per serietà, correttezza e bravura, a discapito delle invidiose malelingue. La SFE ha unito molte persone, ha sempre avuto un occhio di riguardo per il sociale, è sempre stata in prima linea negli aiuti umanitari, mettendo sempre a disposizione l'abilità fuoristradistica dei propri soci, i loro mezzi ed il lavoro di braccia (alluvioni, terremoti, terzo mondo...) collaborando spesso, sia nel passato come nel presente, con i volontari della Protezione Civile di Padova. Non di secondaria importanza i nostri corsi di guida, iniziati nel lontano 1989 per opera del compianto amico Giovanni Gaspari ed arrivati quest'anno alla 28^ edizione, riconosciuti da tutti come i più completi e professionali, merito  soprattutto della preparazione dei nostri istruttori che si sono alternati nei vari anni.

Oggi, a causa delle troppe gare, la mia schiena non mi permette più di praticare il fuoristrada, per diversi anni mi sono dilettato ad organizzare eventi di ogni sorta e tipo per i soci del Sodalizio, anche con il nostro buon Kapler, al secolo Antonio Girardello, ideatore del Trofeo SFE, manifestazione fiore all’occhiello del Sodalizio, del quale sono stato l'inseparabile braccio destro per le varie edizioni svoltesi dal 1993 al 1996. 

A distanza di due anni dall’ultimo mio incarico alla Presidenza, mi chiamano ancora Past President, mi invitano a partecipare alle riunioni del Consiglio Direttivo, forse perché continuo a gestire questo sito che ogni giorno si arricchisce di storia e di notizie, forse perché sanno che non riuscirò mai ad allontanarmi definitivamente dalla SFE,  forse perché sanno che ho ancora voglia, come molti altri, di guardare al futuro della nostra SFE........ 

.... che il buon grip sia sempre con voi......

Massimo Lorenzin